Thursday, October 21, 2010


..." e non dimenticate che la terra gode nel sentire su di essa i vostri piedi nudi,
e che il vento ama giocare con i vostri capelli"...
K.G. docet

Thursday, July 1, 2010


In love, no one can harm anyone else;
we are each of us responsible for our own feelings and cannot blame others for what we feel.
That is the true experience of freedom:
Having the most important thing in the world without owing it.

Paulo Coelho
.

Friday, April 23, 2010

Blake




"Vedere il mondo in un granello di sabbia
E il cielo in un fiore di campo,
Tenere l'infinito nel palmo della tua mano,
E l'eternità in un'ora"

William Blake " Auguries of Innocence "

Wednesday, March 10, 2010

Perchè la felicità altrui fa inkazzare ( Bruno Contigiani)

"...in realtà il fastidio altrui non mi infastidisce più di tanto, però riesce sempre a sorprendermi.
All'inizio mi riusciva difficile capire come qualcuno potesse districarsi tra i vari impegni lavorativi, familiari e sociali della giornata, e trovare anche il tempo da dedicare a scaricare idiozie su un altro.
Col tempo ho capito che la felicità di una persona fa arrabbiare moltissimo alcune altre: tutte quelle che non sanno gioire di un successo che non sia il proprio...
Non ci si può far niente.
Bisogna abituarsi e, con pazienza, andare oltre.
...questo modo di vivere improntato sull'individualismo, sull'invidia, sull'incapacità di gioire assieme e di pensare a una forma di benessere comune, è un indice sicuro di infelicità.
Forse, però, queste persone non lo sanno.
Forse, dovremmo farglielo sapere.
La bella notizia, però, è che tanti ne hanno già la percezione intima, istintiva. E si comportano di conseguenza.
Sono i fermenti vivi della vita.
SONO QUELLI CHE SANNO GIOIRE DELLE PICCOLE FELICITA' DEL VICINO, CHE ORGANIZZANO IMPROVVISATI FESTEGGIAMENTI PER GLI ^ INSIGNIFICANTI ^ SUCCESSI DI TUTTI E CHE CONDIVIDONO I PROPRI.
CON IL CUORE.
Io ne incontro di continuo."

BRUNO CONTIGIANI " CHI VA PIANO " ED. RIZZOLI

Friday, January 22, 2010

PABLO NERUDA

...voglio versi di tela
e piuma

che pesino appena, versi tiepidi
dell'intimità dei letti
dove la gente ha amato e sognato.

Voglio poesie macchiate
dalle mani e dal quotidiano.

Versi di pasta sfoglia che
spandano
latte e zucchero nella bocca,
l'aria e l'acqua si bevono,
l'amore si morde e si bacia,
voglio sonetti commestibili,
poesie di miele e farina.

...
Qualcuno si è sporcato le mani
impastando tanta dolcezza.

Con noi
o senza di noi
la dolcezza
continuerà ad esistere
ed è infinitamente
viva,
eternamente rediviva,
perchè in piena bocca
dell'uomo per cantare
o per mangiare
abita
la dolcezza.

Pablo Neruda

Tuesday, January 12, 2010

Gennaio

A volte la vita ci pone di fronte a scelte che dirigono la nostra strada in una direzione o in un'altra. E per quanto dolorose possano essere, sta a noi decidere dove andare e cosa volere.




Ecco che mi allarghi il cuore...ancora un pò..




Io sto con te punto e basta.